«Il Ciclo copre, la Terra sostiene» dice un'antica sentenza cinese. Il ciclo è la «perfezione attiva», la terra è la «perfezione passiva». «Ciclo, Terra, Uomo» (Tien-ti-jen), ecco la Grande Triade che Guénon volle illuminare in questo suo ultimo libro, pubblicato nel 1946.

Invece di affermare in termini generali la corrispondenza esoterica delle tradizioni, volle qui far vedere in concreto che cosa è tale corrispondenza e in quali modi essa si articola, mostrandone ogni volta un aspetto, come la faccia di un cristallo, nei brevi, magistrali capitoli di quest'opera, che appunto perciò può essere vista come la summa e il simbolo essa stessa del pensiero di Guénon.

Lo yin e lo yang, la doppia spirale, il salve e coagula dell'alchimia, i numeri celesti e i numeri terrestri, i rapporti fra l'essere e il suo ambiente, l'Essenza e la Sostanza, l'autorità sacerdotale e l'autorità regale, l'Invariabile Mezzo e la Via del Mezzo, il simbolismo massonico della squadra e del compasso e quello cabbalistico della Shekinah, la ruota cosmica: ciascuno di questi temi è di immensa ricchezza.

Tanto più stupefacente apparirà l'impresa che Guénon ha qui compiuto: pur facendo presagire ogni volta tutta la complessità e peculiarità di queste immagini, le ha fatte risuonare nella loro essenza, le ha rese trasparenti con poche, sobrie e decisive parole, così inanellandole in un' aurea catena, dove il vincolo è invisibile e indissolubile.

 

 

René Guénon (Blois 1886 - Il Cairo 1951), matematico, metafisico, esoterista francese, viene considerato il rappresentante principale del Tradizionalismo Integrale. Iniziato all’esoterismo islamico, si trasferì al Cairo nel 1930 dove rimase sino alla morte. Collaboratore di molte riviste, ma soprattutto di Le Voile d’Isis, poi Études Traditionnelles, con centinaia di articoli. Il suo primo libro è stato Introduzione generale allo studio delle dottrine indù (1921), cui ne seguirono altri sedici: tra essi La crisi del mondo moderno (1927). Una dozzina di raccolte di articoli è apparsa postuma. Due di esse, Forme tradizionali e cicli cosmici e La Tradizione e le tradizioni, sono state pubblicate in Italia dalle Edizioni Mediterranee. Fieramente antimoderno, ha sostenuto l’esistenza di una Tradizione Primordiale da cui sono derivate tutte le altre, la prevalenza della contemplazione sull’azione e dell’Oriente sull’Occidente. Il suo incontro critico con Julius Evola avvenne nel 1925. Lascia un immenso epistolario con molteplici personalità, purtroppo per la maggior parte inedito.

 

Dettagli Libro

Editore Adelphi Edizioni
Anno Pubblicazione 2005
Formato Libro - Pagine: 207 - 10,5x17,5cm
EAN13 9788845904189

LA GRANDE TRIADE - Renè Guènon

€ 14,00Prezzo